Legge federale sulla fusione, la scissione, la trasformazione e il trasferimento di patrimonio

Disegno

(Legge sulla fusione; LFus) del

L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l'articolo 122 capoverso 1 della Costituzione federale; visto il messaggio del Consiglio federale del 13 giugno 2000 1, decreta:

Capitolo 1: Oggetto e definizioni Art. 1

Oggetto

La presente legge disciplina l'adeguamento delle strutture giuridiche di societÓ di capitali, di societÓ in nome collettivo e in accomandita, di societÓ cooperative, di associazioni, di fondazioni e di ditte individuali mediante fusione, scissione, trasformazione e trasferimento di patrimonio.

1

Essa intende garantire la certezza del diritto e la trasparenza, tutelando nel contempo i creditori e i titolari di partecipazioni minoritarie.

2

Stabilisce altresý le condizioni di diritto privato che gli istituti di diritto pubblico devono soddisfare per partecipare a fusioni con soggetti giuridici di diritto privato, per trasformarsi in tali soggetti o per partecipare a trasferimenti di patrimonio.

3

Sono fatte salve le disposizioni sulla valutazione delle concentrazioni di imprese previste dalla legge del 6 ottobre 1995 2 sui cartelli.

4

Art. 2

Definizioni

Ai sensi della presente legge si intendono per:

1 2

a.

soggetti giuridici: le societÓ, le fondazioni, le ditte individuali iscritte nel registro di commercio e gli istituti di diritto pubblico;

b.

societÓ: le societÓ di capitali, le societÓ in nome collettivo e in accomandita, le associazioni e le societÓ cooperative, purchÚ non siano considerate istituti di previdenza ai sensi della lettera i;

c.

societÓ di capitali: le societÓ anonime, le societÓ in accomandita per azioni e le societÓ a garanzia limitata;

FF 2000 3765 RS 251

2000-1208

3949

Legge sulla fusione

d.

istituti di diritto pubblico: gli istituti di diritto pubblico della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni iscritti nel registro di commercio e dotati di autonomia organizzativa, a prescindere dal possesso della personalitÓ giuridica;

e.

piccole e medie imprese: le societÓ che non sono debitrici di un prestito in obbligazioni o che non sono quotate in borsa e che, nel corso dei due esercizi precedenti la decisione di fusione, di scissione o di trasformazione, non superano due dei valori seguenti: 1. bilancio complessivo di 20 milioni di franchi, 2. cifra d'affari di 40 milioni di franchi, 3. media annua di 200 dipendenti a tempo pieno;

f.

soci: i titolari di quote, i soci di societÓ in nome collettivo e in accomandita, i soci di societÓ cooperative senza certificati di quota e i membri di associazioni;

g.

titolari di quote: i titolari di azioni, di buoni di partecipazione o di buoni di godimento, i soci di societÓ a garanzia limitata e i soci di una societÓ cooperativa titolari di certificati di quota;

h.

assemblea generale: l'assemblea generale nella societÓ anonima, nella societÓ in accomandita per azioni o nella societÓ cooperativa, l'assemblea dei soci di una societÓ a garanzia limitata e l'assemblea dei membri di un'associazione;

i.

istituti di previdenza: gli istituti sottoposti alla vigilanza di cui agli articoli 61 segg. della legge federale del 25 giugno 19823 sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l'invaliditÓ (LPP) e dotati di personalitÓ giuridica.

Capitolo 2: Fusione di societÓ Sezione 1: Disposizioni generali Art. 3 1

Principio

Le societÓ possono operare fusioni mediante: a.

assunzione di altre societÓ (fusione mediante incorporazione);

b.

unione con pi¨ societÓ in una nuova societÓ (fusione mediante combinazione).

La fusione comporta lo scioglimento della societÓ trasferente e la sua cancellazione dal registro di commercio.

2

3

RS 831.40

3950

Legge sulla fusione

Art. 4 1

2

3

Fusioni permesse

Le societÓ di capitali possono operare una fusione: a.

con altre societÓ di capitali;

b.

con societÓ cooperative;

c.

in veste di societÓ assuntrici, con societÓ in nome collettivo e societÓ in accomandita;

d.

in veste di societÓ assuntrici, con associazioni iscritte nel registro di commercio.

Le societÓ in nome collettivo o in accomandita possono operare una fusione: a.

con altre societÓ in nome collettivo o in accomandita;

b.

in veste di societÓ trasferenti, con societÓ di capitali;

c.

in veste di societÓ trasferenti, con societÓ cooperative.

Le societÓ cooperative possono operare una fusione: a.

con altre societÓ cooperative;

b.

con societÓ di capitali;

c.

in veste di societÓ assuntrici, con societÓ in nome collettivo e societÓ in accomandita;

d.

in veste di societÓ assuntrici, con associazioni iscritte nel registro di commercio;

e.

in veste di societÓ trasferenti, se prive di capitale sociale, con associazioni iscritte nel registro di commercio.

Le associazioni possono operare fusioni tra loro. Le associazioni iscritte nel registro di commercio possono inoltre operare una fusione:

4

a.

in veste di societÓ trasferenti, con societÓ di capitali;

b.

in veste di societÓ trasferenti, con societÓ cooperative;

c.

in veste di societÓ assuntrici, con societÓ cooperative prive di capitale sociale.

Art. 5

Fusione di una societÓ in liquidazione

Una societÓ in liquidazione pu˛ partecipare a una fusione, in veste di societÓ trasferente, se la ripartizione del patrimonio non Ŕ ancora iniziata.

1

2 L'organo superiore di direzione o di amministrazione deve attestare all'ufficio del registro di commercio l'adempimento della condizione di cui al capoverso 1.

Art. 6

Fusione di societÓ in caso di perdita di capitale o di eccedenza di debiti

Una societÓ di cui non sia pi¨ coperta la metÓ del capitale azionario o sociale e delle riserve legali, oppure che presenti un'eccedenza di debiti, pu˛ operare una fu-

1

3951

Legge sulla fusione

sione purchÚ l'altra societÓ abbia una dotazione di capitale proprio liberamente disponibile di importo pari allo scoperto e, se del caso, all'eccedenza di debiti.

2 L'organo superiore di direzione o di amministrazione deve presentare all'ufficio del registro di commercio un'attestazione in cui un revisore particolarmente qualificato accerti l'adempimento della condizione di cui al capoverso 1.

Sezione 2: Quote sociali e diritti societari Art. 7

Salvaguardia delle quote sociali e dei diritti societari

I soci della societÓ trasferente hanno diritto a quote sociali o a diritti societari in seno alla societÓ assuntrice che corrispondano alle quote o ai diritti che detenevano in precedenza, tenuto conto dei patrimoni delle societÓ partecipanti alla fusione, della ripartizione dei diritti di voto e di ogni altra circostanza rilevante.

1

Nell'ambito della determinazione del rapporto di scambio delle quote, pu˛ essere previsto un conguaglio che non deve eccedere un decimo del valore reale delle quote attribuite.

2

In caso di assunzione della loro societÓ da parte di una societÓ di capitali, i soci senza quote hanno diritto a una quota almeno.

3

La societÓ assuntrice deve attribuire quote equivalenti o quote con diritto di voto per le quote senza diritto di voto della societÓ trasferente.

4

5 La societÓ assuntrice deve attribuire diritti equivalenti o versare un'indennitÓ adeguata per i diritti speciali della societÓ trasferente connessi a quote sociali o a diritti societari.

La societÓ assuntrice deve attribuire diritti equivalenti ai titolari di buoni di godimento della societÓ trasferente oppure acquisire tali buoni al loro valore reale al momento della conclusione del contratto di fusione.

6

Art. 8

IndennitÓ

Nel contratto di fusione, le societÓ partecipanti alla fusione possono prevedere la possibilitÓ per i soci di scegliere tra quote sociali o diritti societari e un'indennitÓ.

1

Nel contratto di fusione, le societÓ partecipanti alla fusione possono anche prevedere che sarÓ versata solamente un'indennitÓ.

2

Sezione 3: Aumento del capitale, costituzione e bilancio intermedio Art. 9

Aumento del capitale in caso di fusione mediante incorporazione

In caso di fusione mediante incorporazione, la societÓ assuntrice aumenta il suo capitale nella misura necessaria alla salvaguardia dei diritti dei soci della societÓ trasferente.

1

3952

Legge sulla fusione

Le disposizioni del Codice delle obbligazioni4 relative ai conferimenti in natura e l'articolo 651 capoverso 2 del Codice delle obbligazioni non si applicano alla fusione.

2

Art. 10

Costituzione di una nuova societÓ in caso di fusione mediante combinazione

Le disposizioni del Codice civile5 e del Codice delle obbligazioni6 relative alla costituzione di una societÓ si applicano alla costituzione di una nuova societÓ nell'ambito della fusione mediante combinazione. Le disposizioni sul numero dei promotori di societÓ di capitali e sui conferimenti in natura non si applicano.

Art. 11

Bilancio intermedio

Se la data determinante per il bilancio precede di oltre sei mesi la data di conclusione del contratto di fusione o si sono verificate importanti modifiche patrimoniali posteriormente alla chiusura del bilancio, le societÓ partecipanti alla fusione devono stilare un bilancio intermedio.

Sezione 4: Contratto di fusione, rapporto di fusione e verifica Art. 12

Conclusione del contratto di fusione

Il contratto di fusione Ŕ concluso dagli organi superiori di direzione o di amministrazione delle societÓ partecipanti alla fusione.

1

2 Esso richiede la forma scritta e l'approvazione dell'assemblea generale, rispettivamente dei soci delle societÓ partecipanti alla fusione (art. 18).

Art. 13 1

4 5 6

Contenuto del contratto di fusione

Il contratto di fusione contiene: a.

il nome o la ditta, la sede e la forma giuridica delle societÓ partecipanti alla fusione nonchÚ, in caso di fusione mediante combinazione, il nome o la ditta, la sede e la forma giuridica della nuova societÓ;

b.

il rapporto di scambio delle quote sociali e, se del caso, l'importo del conguaglio, rispettivamente indicazioni sui diritti societari dei soci della societÓ trasferente in seno alla societÓ assuntrice;

c.

i diritti che la societÓ assuntrice garantisce ai titolari di diritti speciali, di quote senza diritto di voto o di buoni di godimento;

d.

le modalitÓ di scambio delle quote sociali;

RS 220 RS 210 RS 220

3953

Legge sulla fusione

2

e.

la data a decorrere dalla quale le quote sociali o i diritti societari conferiscono il diritto di partecipare all'utile risultante dal bilancio, nonchÚ tutte le particolari modalitÓ di tale diritto;

f.

se del caso, l'importo dell'indennitÓ di cui all'articolo 8;

g.

la data a decorrere dalla quale gli atti della societÓ trasferente si considerano compiuti per conto della societÓ assuntrice;

h.

tutti i vantaggi particolari concessi ai membri di un organo di direzione o di amministrazione, ai soci amministratori o a un revisore;

i.

se del caso, la designazione dei soci illimitatamente responsabili.

Il capoverso 1 lettere c - f non si applica in caso di fusione tra associazioni.

Art. 14

Rapporto di fusione

Gli organi superiori di direzione o di amministrazione delle societÓ partecipanti alla fusione devono stilare un rapporto scritto sulla fusione. Possono anche redigerlo insieme.

1

Le piccole e medie imprese possono prescindere dalla stesura del rapporto previo consenso di tutti i soci.

2

3

Il rapporto spiega e giustifica sotto i profili giuridico ed economico: a.

lo scopo e le conseguenze della fusione;

b.

il contratto di fusione;

c.

il rapporto di scambio delle quote e, se del caso, l'importo del conguaglio, rispettivamente i diritti sociali dei soci della societÓ trasferente in seno alla societÓ assuntrice;

d.

se del caso, l'importo dell'indennitÓ e i motivi per i quali, in luogo di quote sociali o diritti societari, Ŕ versata solamente un'indennitÓ;

e.

le particolaritÓ concernenti la valutazione delle quote in vista della determinazione del rapporto di scambio;

f.

se del caso, l'importo dell'aumento di capitale della societÓ assuntrice;

g.

se del caso, l'obbligo di effettuare versamenti suppletivi, l'obbligo di fornire altre prestazioni personali e la responsabilitÓ personale risultanti dalla fusione per i soci della societÓ trasferente;

h.

in caso di fusione tra societÓ di diversa forma giuridica, gli obblighi che possono essere imposti ai soci nell'ambito della nuova forma;

i.

le ripercussioni sui lavoratori delle societÓ partecipanti alla fusione e indicazioni sul contenuto di un eventuale piano sociale;

j.

le ripercussioni sui creditori delle societÓ partecipanti alla fusione;

k.

se del caso, indicazioni sulle autorizzazioni amministrative rilasciate o in procinto di esserlo.

3954

Legge sulla fusione

In caso di fusione mediante combinazione, al rapporto di fusione va allegato il progetto di statuto della nuova societÓ.

4

5

La presente disposizione non si applica alla fusione tra associazioni.

Art. 15

Verifica del contratto di fusione e del rapporto di fusione

Se la societÓ assuntrice Ŕ una societÓ di capitali o una societÓ cooperativa con quote sociali, le societÓ partecipanti alla fusione devono far verificare da un revisore particolarmente qualificato il contratto di fusione, il rapporto di fusione e il bilancio su cui poggia la fusione. Esse possono designare un revisore comune.

1

Le piccole e medie imprese possono prescindere dalla verifica previo consenso di tutti i soci.

2

Le societÓ partecipanti alla fusione devono fornire al revisore tutte le informazioni e tutti i documenti utili.

3

4

Nel rapporto di revisione scritto, il revisore indica: a.

se l'aumento di capitale previsto dalla societÓ assuntrice Ŕ sufficiente a salvaguardare i diritti dei soci della societÓ trasferente;

b.

se il rapporto di scambio delle quote sociali o l'indennitÓ Ŕ ragionevole;

c.

il metodo in base al quale Ŕ stato determinato il rapporto di scambio e i motivi per i quali il metodo applicato Ŕ adeguato;

d.

se del caso, l'importanza relativa assegnata ai diversi metodi applicati al fine di determinare il rapporto di scambio;

e.

le particolaritÓ di cui si Ŕ tenuto conto nel valutare le quote sociali in vista della determinazione del rapporto di scambio.

Art. 16

Diritto di consultazione

Durante i 30 giorni precedenti la decisione, ciascuna delle societÓ partecipanti alla fusione deve garantire ai soci, presso la sua sede, la consultazione dei seguenti documenti di tutte le societÓ partecipanti alla fusione:

1

a.

il contratto di fusione;

b.

il rapporto di fusione;

c.

il rapporto di revisione;

d.

i conti annuali e i rapporti annuali relativi agli ultimi tre esercizi contabili nonchÚ, se del caso, il bilancio intermedio.

Previo consenso di tutti i soci, le piccole e medie imprese possono prescindere dalla procedura di consultazione di cui al capoverso 1.

2

I soci possono chiedere alle societÓ partecipanti alla fusione copie dei documenti enumerati nel capoverso 1. Tali copie vanno messe gratuitamente a loro disposizione.

3

Ciascuna delle societÓ partecipanti alla fusione deve informare in modo appropriato i soci circa il diritto di consultazione.

4

3955

Legge sulla fusione

Art. 17

Informazione quanto alle modifiche patrimoniali

Qualora il patrimonio di una delle societÓ partecipanti alla fusione subisca modifiche importanti tra la conclusione del contratto di fusione e la decisione dell'assemblea generale, l'organo superiore di direzione o di amministrazione di tale societÓ deve informarne l'assemblea generale e gli organi superiori di direzione o di amministrazione delle altre societÓ partecipanti alla fusione. Questi ne informano la loro assemblea generale.

Sezione 5: Decisione di fusione e iscrizione nel registro di commercio Art. 18

Decisione di fusione

L'organo superiore di direzione o di amministrazione delle societÓ di capitali, delle societÓ cooperative e delle associazioni deve sottoporre il contratto all'assemblea generale per decisione. Occorrono le seguenti maggioranze: 1

a.

per le societÓ anonime e le societÓ in accomandita per azioni, almeno due terzi dei voti attribuiti alle azioni rappresentate all'assemblea generale e la maggioranza assoluta del loro valore nominale;

b.

per la societÓ di capitali assunta da una societÓ cooperativa, l'approvazione di tutti gli azionisti, rispettivamente di tutti i soci nel caso di una societÓ a garanzia limitata;

c.

per le societÓ a garanzia limitata, almeno tre quarti di tutti i soci, rappresentanti almeno tre quarti del capitale sociale;

d.

per le societÓ cooperative, almeno due terzi dei voti emessi o, in caso di introduzione o di estensione dell'obbligo di effettuare versamenti suppletivi, dell'obbligo di fornire altre prestazioni personali o della responsabilitÓ personale, almeno tre quarti di tutti i soci;

e.

per le associazioni, almeno tre quarti dei membri presenti all'assemblea generale.

Per le societÓ in nome collettivo o in accomandita, il contratto di fusione va approvato da tutti i soci. Esso pu˛ tuttavia disporre che Ŕ sufficiente l'approvazione di tre quarti dei soci.

2

3 Qualora una societÓ in accomandita per azioni assuma un'altra societÓ, oltre alle maggioranze di cui al capoverso 1 lettera a occorre l'approvazione scritta di tutti i soci illimitatamente responsabili.

4 Se, a seguito dell'assunzione di una societÓ anonima o di una societÓ in accomandita per azioni ad opera di una societÓ a garanzia limitata, Ŕ introdotto un obbligo di effettuare versamenti suppletivi o di fornire altre prestazioni personali, occorre l'approvazione di tutti gli azionisti interessati.

5 Se il contratto di fusione prevede semplicemente un'indennitÓ, la decisione di fusione dev'essere approvata dal 90 per cento almeno dei soci della societÓ trasferente titolari di un diritto di voto.

3956

Legge sulla fusione

Qualora la fusione comporti una modifica dello scopo sociale per i soci della societÓ trasferente e, in virt¨ di disposizioni legali o statutarie, per modificare tale scopo occorra una maggioranza diversa da quella necessaria per la decisione di fusione, quest'ultima decisione deve soddisfare le due esigenze di maggioranza.

6

Art. 19

Diritto di recesso in caso di fusione di associazioni

I membri di associazioni che hanno votato contro la fusione sono liberi di recedere dall'associazione entro due mesi dalla decisione di fusione.

1

2

Il recesso vale retroattivamente dalla data della decisione di fusione.

Art. 20

Atto pubblico

1

La decisione di fusione richiede un atto pubblico.

2

La presente disposizione non si applica alla fusione tra associazioni.

Art. 21

Iscrizione nel registro di commercio

Quando la decisione di fusione Ŕ stata presa dall'insieme delle societÓ partecipanti alla fusione, gli organi superiori di direzione o di amministrazione di queste ultime devono chiedere l'iscrizione della fusione all'ufficio del registro di commercio.

1

Se la societÓ assuntrice deve aumentare il suo capitale a causa della fusione, vanno parimenti sottoposti all'ufficio del registro di commercio lo statuto modificato e i necessari accertamenti relativi all'aumento del capitale (art. 652g CO).

2

La societÓ trasferente Ŕ cancellata dal registro di commercio all'atto dell'iscrizione della fusione.

3

La presente disposizione non si applica alle associazioni che non sono iscritte nel registro di commercio.

4

Art. 22

ValiditÓ giuridica

Con l'iscrizione nel registro di commercio, la fusione acquisisce validitÓ giuridica.

A tale data, tutti gli attivi e i passivi della societÓ trasferente sono trasferiti per legge alla societÓ assuntrice. ╚ fatto salvo l'articolo 34 della legge del 6 ottobre 19957 sui cartelli.

1

La fusione di associazioni che non sono iscritte nel registro di commercio acquisisce validitÓ giuridica quando tutte le associazioni hanno adottato la decisione di fusione.

2

7

RS 251

3957

Legge sulla fusione

Sezione 6: Fusione agevolata di societÓ di capitali Art. 23 1

Condizioni

Le societÓ di capitali possono operare una fusione a condizioni agevolate se: a.

la societÓ di capitali assuntrice possiede tutte le quote della societÓ di capitali trasferente che conferiscono un diritto di voto, oppure

b.

un soggetto giuridico, una persona fisica o un gruppo di persone fondato su un contratto o sulla legge possiede tutte le quote delle societÓ di capitali partecipanti alla fusione che conferiscono un diritto di voto.

2 Qualora la societÓ di capitali assuntrice non possieda la totalitÓ, ma il 90 per cento almeno delle quote della societÓ di capitali trasferente che conferiscono un diritto di voto, la fusione pu˛ avvenire a condizioni agevolate se:

a.

ai titolari di quote di minoranza Ŕ offerta, oltre a quote sociali della societÓ di capitali assuntrice, un'indennitÓ ai sensi dell'articolo 8 che corrisponda al valore reale delle quote e

b.

dalla fusione non risulta nÚ un obbligo di effettuare versamenti suppletivi, nÚ un obbligo di fornire altre prestazioni personali, nÚ una responsabilitÓ personale per i titolari di quote di minoranza.

Art. 24

Agevolazioni

Le societÓ di capitali partecipanti alla fusione e adempienti alle condizioni di cui all'articolo 23 capoverso 1 devono indicare nel contratto di fusione soltanto gli elementi di cui all'articolo 13 capoverso 1 lettere a e f - i. Esse non devono nÚ elaborare un rapporto di fusione (art. 14), nÚ far verificare il contratto di fusione (art. 15), nÚ garantire il diritto di consultazione di cui all'articolo 16, nÚ sottoporre il contratto di fusione all'assemblea generale per decisione (art. 18).

1

2 Le societÓ di capitali partecipanti alla fusione e adempienti alle condizioni di cui all'articolo 23 capoverso 2 devono indicare nel contratto di fusione soltanto gli elementi di cui all'articolo 13 capoverso 1 lettere a, b e f - i. Esse non devono nÚ elaborare un rapporto di fusione (art. 14), nÚ sottoporre il contratto di fusione all'assemblea generale per decisione (art. 18). Il diritto di consultazione di cui all'articolo 16 va garantito almeno trenta giorni prima della richiesta d'iscrizione della fusione nel registro di commercio.

Sezione 7: Protezione dei creditori e dei lavoratori Art. 25

Garanzia dei crediti

La societÓ assuntrice deve garantire i crediti dei creditori delle societÓ partecipanti alla fusione se questi ne fanno domanda entro tre mesi a contare dal momento in cui la fusione acquisisce validitÓ giuridica.

1

3958

Legge sulla fusione

Le societÓ partecipanti alla fusione devono informare i creditori circa i loro diritti mediante una triplice pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio. Possono rinunciare a tale pubblicazione se un revisore particolarmente qualificato attesta che tutti i crediti noti o prevedibili possono essere soddisfatti mediante la sostanza a disposizione delle societÓ partecipanti alla fusione.

2

3 L'obbligo di prestare garanzia si estingue se la societÓ prova che la fusione non compromette la soddisfazione del credito.

In luogo della costituzione di garanzie, la societÓ che vi Ŕ tenuta pu˛ soddisfare il credito purchÚ non ne risulti un danno per gli altri creditori.

4

Art. 26

ResponsabilitÓ personale dei soci

I soci della societÓ trasferente che rispondevano dei suoi debiti prima della fusione continuano a rispondere dei debiti contratti prima della pubblicazione della decisione di fusione o la cui causa Ŕ anteriore a tale data.

1

2 I diritti derivanti dalla responsabilitÓ personale dei soci per i debiti della societÓ trasferente si prescrivono al pi¨ tardi dopo tre anni a contare dalla data in cui la fusione acquisisce validitÓ giuridica. Se il credito diventa esigibile soltanto dopo la pubblicazione della decisione di fusione, la prescrizione comincia a decorrere con l'esigibilitÓ. La limitazione della responsabilitÓ personale non si applica ai soci che assumono una responsabilitÓ personale per i debiti della societÓ assuntrice.

Per i prestiti in obbligazioni e le altre obbligazioni oggetto di pubblica emissione, la responsabilitÓ sussiste finchÚ siano stati rimborsati, salvo che il prospetto preveda altrimenti. Sono fatte salve le disposizioni sulla comunione degli obbligazionisti per i prestiti in obbligazioni di cui agli articoli 1157 e seguenti del Codice delle obbligazioni8.

3

Art. 27

Trasferimento dei rapporti di lavoro, garanzia e responsabilitÓ personale

Il trasferimento dei rapporti di lavoro alla societÓ assuntrice Ŕ retto dall'articolo 333 del Codice delle obbligazioni 9.

1

I lavoratori delle societÓ partecipanti alla fusione possono chiedere, conformemente all'articolo 25, che siano garantiti i crediti derivanti dal contratto di lavoro che divengono esigibili sino al momento in cui il rapporto di lavoro pu˛ essere sciolto normalmente o Ŕ sciolto per opposizione del lavoratore al trasferimento.

2

I soci della societÓ trasferente che rispondevano dei suoi debiti prima della fusione continuano a rispondere dei debiti derivanti dal contratto di lavoro che divengono esigibili sino al momento in cui il rapporto di lavoro pu˛ essere sciolto normalmente o Ŕ sciolto per opposizione del lavoratore al trasferimento.

3

8 9

RS 220 RS 220

3959

Legge sulla fusione

Art. 28

Consultazione dei rappresentanti dei lavoratori

La consultazione dei rappresentanti dei lavoratori Ŕ retta, per la societÓ trasferente e la societÓ assuntrice, dall'articolo 333a del Codice delle obbligazioni 10.

1

La consultazione deve avvenire prima della decisione di cui all'articolo 18. L'organo superiore di direzione o di amministrazione deve riferire dell'esito della consultazione prima della decisione.

2

Se le disposizioni di cui ai capoversi 1 e 2 non sono rispettate, la rappresentanza dei lavoratori pu˛ chiedere al giudice che vieti l'iscrizione della fusione nel registro di commercio.

3

4

La presente disposizione si applica anche alle societÓ assuntrici con sede all'estero.

Capitolo 3: Scissione di societÓ Sezione 1: Disposizioni generali Art. 29

Principio

La scissione di una societÓ pu˛ avvenire: a.

dividendo l'insieme del suo patrimonio e trasferendolo ad altre societÓ. I suoi soci ricevono quote sociali o diritti societari delle societÓ assuntrici. La societÓ trasferente Ŕ sciolta e cancellata dal registro di commercio (divisione), oppure

b.

trasferendo una o pi¨ parti del suo patrimonio ad altre societÓ contro attribuzione ai suoi soci di quote sociali o diritti societari delle societÓ assuntrici (separazione).

Art. 30

Scissioni permesse

Le societÓ di capitali e le societÓ cooperative possono scindersi in societÓ di capitali e in societÓ cooperative.

Sezione 2: Quote sociali e diritti societari Art. 31

Salvaguardia delle quote sociali e dei diritti societari

Nell'ambito della scissione, le quote sociali e i diritti societari vanno salvaguardati conformemente all'articolo 7.

1

2

Ai soci della societÓ trasferente possono essere attribuiti: a.

10

quote sociali o diritti societari di tutte le societÓ partecipanti alla scissione che siano proporzionali alle precedenti partecipazioni (scissione simmetrica); RS 220

3960

Legge sulla fusione

b.

quote sociali o diritti societari di talune o di tutte le societÓ partecipanti alla scissione che non siano proporzionali alle precedenti partecipazioni (scissione asimmetrica).

Sezione 3: Riduzione e aumento del capitale, costituzione e bilancio intermedio Art. 32

Riduzione del capitale in caso di separazione

Gli articoli 733, 734, 788 capoverso 2 e 874 capoverso 2 del Codice delle obbligazioni11 non si applicano se la societÓ trasferente riduce il suo capitale a causa della separazione.

Art. 33

Aumento del capitale

La societÓ assuntrice deve aumentare il capitale nella misura necessaria alla salvaguardia dei diritti dei soci della societÓ trasferente.

1

2 Le disposizioni del Codice delle obbligazioni12 sui conferimenti in natura e l'articolo 651 capoverso 2 del Codice delle obbligazioni non si applicano alla scissione.

Art. 34

Costituzione di una nuova societÓ

Alla costituzione di una nuova societÓ nell'ambito di una scissione si applicano le disposizioni del Codice delle obbligazioni13 relative alla costituzione di una societÓ.

Le disposizioni relative al numero dei promotori di societÓ di capitali e ai conferimenti in natura non si applicano.

Art. 35

Bilancio intermedio

Se la data determinante per il bilancio precede di oltre sei mesi la conclusione del contratto di scissione o l'elaborazione del progetto di scissione oppure si sono verificate importanti modifiche patrimoniali posteriormente alla chiusura del bilancio, le societÓ partecipanti alla scissione devono stilare un bilancio intermedio.

11 12 13

RS 220 RS 220 RS 220

3961

Legge sulla fusione

Sezione 4: Contratto di scissione, progetto di scissione, rapporto di scissione e verifica Art. 36

Contratto di scissione e progetto di scissione

Se una societÓ trasferisce parti del suo patrimonio mediante scissione a societÓ preesistenti, gli organi superiori di direzione o di amministrazione delle societÓ partecipanti alla scissione devono concludere un contratto di scissione.

1

Se una societÓ intende trasferire parti del suo patrimonio mediante scissione a societÓ costituende, il suo organo superiore di direzione o di amministrazione elabora un progetto di scissione.

2

Il contratto di scissione e il progetto di scissione richiedono la forma scritta e l'approvazione dell'assemblea generale (art. 43).

3

Art. 37

Contenuto del contratto di scissione o del progetto di scissione

Il contratto di scissione o il progetto di scissione contiene: a.

la ditta, la sede e la forma giuridica delle societÓ partecipanti alla scissione;

b.

un inventario con la chiara designazione, la ripartizione e l'attribuzione degli oggetti del patrimonio attivo e passivo, nonchÚ l'attribuzione delle parti dell'azienda; i fondi, i titoli di credito e i valori immateriali devono essere indicati singolarmente;

c.

il rapporto di scambio delle quote sociali e, se del caso, l'importo del conguaglio, rispettivamente indicazioni sui diritti societari dei soci della societÓ trasferente in seno alla societÓ assuntrice;

d.

i diritti che la societÓ assuntrice riconosce ai titolari di diritti speciali, di quote sociali senza diritto di voto o di buoni di godimento;

e.

le modalitÓ dello scambio delle quote sociali;

f.

la data a decorrere da cui le quote sociali o i diritti societari danno diritto a una parte dell'utile risultante dal bilancio, nonchÚ tutte le particolaritÓ di tale diritto;

g.

la data a decorrere dalla quale gli atti della societÓ trasferente sono considerati compiuti per conto della societÓ assuntrice;

h.

ogni vantaggio particolare concesso ai membri di un organo superiore di direzione o di amministrazione, ai soci amministratori o ai revisori;

i.

un elenco dei rapporti di lavoro trasferiti a causa della scissione.

Art. 38

Valori patrimoniali non attribuiti

Un oggetto del patrimonio attivo che non pu˛ essere attribuito in base al contratto di scissione o al progetto di scissione:

1

3962

Legge sulla fusione

2

a.

in caso di divisione, appartiene in comproprietÓ a tutte le societÓ assuntrici in proporzione al patrimonio attivo loro spettante in virt¨ del contratto di scissione o del progetto di scissione;

b.

in caso di separazione, resta in seno alla societÓ trasferente.

Il capoverso 1 si applica per analogia ai crediti e ai diritti immateriali.

Le societÓ partecipanti a una divisione sono solidalmente responsabili dei debiti che non possono essere attribuiti in base al contratto di scissione o al progetto di scissione.

3

Art. 39

Rapporto di scissione

Gli organi superiori di direzione o di amministrazione delle societÓ partecipanti alla scissione devono redigere un rapporto scritto sulla scissione. Possono anche redigere insieme il rapporto.

1

Le piccole e medie imprese possono prescindere dalla redazione di un rapporto scritto previo consenso di tutti i soci.

2

3

Il rapporto deve spiegare e giustificare sotto profili giuridico ed economico: a.

lo scopo e le conseguenze della scissione;

b.

il contratto o il progetto di scissione;

c.

il rapporto di scambio delle quote sociali e, se del caso, l'importo del conguaglio, rispettivamente i diritti societari dei soci della societÓ trasferente in seno alla societÓ assuntrice;

d.

le particolaritÓ di cui si Ŕ tenuto conto nel valutare le quote sociali in vista della determinazione del rapporto di scambio;

e.

se del caso, l'obbligo di effettuare versamenti suppletivi, l'obbligo di fornire altre prestazioni personali e la responsabilitÓ personale risultanti dalla scissione per i soci;

f.

in caso di scissione cui partecipano societÓ di diversa forma giuridica, gli obblighi che possono essere imposti ai soci nell'ambito della nuova forma;

g.

le ripercussioni della scissione sui lavoratori delle societÓ partecipanti alla scissione e indicazioni sul contenuto di un eventuale piano sociale;

h.

le ripercussioni della scissione sui creditori delle societÓ partecipanti alla scissione.

4 In caso di costituzione di una nuova societÓ nell'ambito di una scissione, il progetto di statuto della nuova societÓ va allegato al rapporto di scissione.

Art. 40

Verifica del contratto o del progetto di scissione nonchÚ del rapporto di scissione

L'articolo 15 si applica per analogia alla verifica del contratto o del progetto di scissione nonchÚ del rapporto di scissione.

3963

Legge sulla fusione

Art. 41

Diritto di consultazione

Durante i due mesi precedenti la decisione, ciascuna delle societÓ partecipanti alla scissione deve garantire ai soci, presso la sua sede, la consultazione dei seguenti documenti di tutte le societÓ partecipanti alla scissione:

1

a.

il contratto o il progetto di scissione;

b.

il rapporto di scissione;

c.

il rapporto di revisione;

d.

i conti annuali e i rapporti annuali relativi agli ultimi tre esercizi contabili nonchÚ, se del caso, il bilancio intermedio.

Le piccole e medie imprese possono prescindere dalla procedura di consultazione di cui al capoverso 1 previo consenso di tutti i soci.

2

I soci possono chiedere alle societÓ partecipanti alla scissione copie dei documenti enumerati nel capoverso 1. Tali copie vanno messe gratuitamente a loro disposizione.

3

Ciascuna delle societÓ partecipanti alla scissione deve informare del diritto di consultazione mediante una pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio.

4

Art. 42

Informazione sulle modifiche patrimoniali

L'articolo 17 si applica per analogia alle informazioni sulle modifiche patrimoniali.

Sezione 5: Decisione di scissione e atto pubblico Art. 43

Decisione di scissione

Gli organi superiori di direzione o di amministrazione delle societÓ partecipanti alla scissione possono sottoporre il contratto o il progetto di scissione all'assemblea generale per decisione soltanto dopo aver prestato garanzia conformemente all'articolo 46.

1

2 Le maggioranze di cui all'articolo 18 capoversi 1, 3, 4 e 6 si applicano alla decisione.

3 In caso di scissione asimmetrica, Ŕ necessaria l'approvazione di almeno il 90 per cento dei soci della societÓ trasferente che dispongono di un diritto di voto.

Art. 44

Atto pubblico

La decisione di scissione richiede un atto pubblico.

3964

Legge sulla fusione

Sezione 6: Protezione dei creditori e dei lavoratori Art. 45

Diffida ai creditori

Mediante una triplice pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio, i creditori di tutte le societÓ partecipanti alla scissione vanno informati del fatto che possono esigere la costituzione di garanzie se fanno valere i loro crediti.

Art. 46

Garanzia dei crediti

Se i creditori ne fanno domanda entro due mesi dalla diffida, le societÓ partecipanti alla scissione devono garantire i loro crediti.

1

2 L'obbligo di prestare garanzia si estingue se la societÓ prova che la scissione non compromette la soddisfazione del credito.

Invece di prestare garanzia, la societÓ che vi Ŕ tenuta pu˛ soddisfare il credito, nella misura in cui non ne risulti alcun danno per gli altri creditori.

3

Art. 47

ResponsabilitÓ sussidiaria delle societÓ partecipanti alla scissione

Se un creditore non Ŕ stato soddisfatto dalla societÓ cui Ŕ stato attribuito il suo credito dal contratto o dal progetto di scissione (societÓ responsabile a titolo primario), rispondono in solido le altre societÓ partecipanti alla scissione (societÓ responsabili a titolo sussidiario).

1

2 Le societÓ responsabili a titolo sussidiario possono essere convenute in giudizio solamente se un credito non Ŕ stato garantito e se la societÓ responsabile a titolo primario:

a.

ha fatto fallimento;

b.

beneficia di una moratoria o di un differimento del fallimento;

c.

Ŕ stata oggetto di una procedura d'esecuzione che ha portato al rilascio di un attestato di carenza di beni definitivo;

d.

ha trasferito la sede all'estero e non pu˛ pi¨ essere convenuta in giudizio in Svizzera;

e.

ha trasferito la sede estera da uno Stato all'altro, complicando notevolmente l'esercizio dei diritti del creditore.

Art. 48

ResponsabilitÓ personale dei soci

L'articolo 26 si applica per analogia alla responsabilitÓ personale dei soci.

3965

Legge sulla fusione

Art. 49

Trasferimento dei rapporti di lavoro, garanzia e responsabilitÓ personale

1 Il trasferimento dei rapporti di lavoro Ŕ retto dall'articolo 333 del Codice delle obbligazioni14.

I lavoratori delle societÓ partecipanti alla scissione possono esigere, conformemente all'articolo 46, la garanzia dei crediti derivanti dal contratto di lavoro che divengono esigibili sino al momento in cui il rapporto di lavoro pu˛ essere sciolto normalmente o Ŕ sciolto per opposizione del lavoratore al trasferimento.

2

3

L'articolo 27 capoverso 3 si applica per analogia.

Art. 50

Consultazione dei rappresentanti dei lavoratori

L'articolo 28 si applica alla consultazione dei rappresentanti dei lavoratori.

Sezione 7: Iscrizione nel registro di commercio e validitÓ giuridica Art. 51

Iscrizione nel registro di commercio

Una volta decisa la scissione, l'organo superiore di direzione o di amministrazione deve chiedere l'iscrizione della scissione all'ufficio del registro di commercio.

1

Se la societÓ trasferente deve ridurre il suo capitale a causa della separazione, va sottoposto all'ufficio del registro di commercio anche lo statuto modificato.

2

In caso di divisione, la societÓ trasferente Ŕ cancellata dal registro di commercio all'atto dell'iscrizione della scissione.

3

Art. 52

ValiditÓ giuridica

La scissione acquisisce validitÓ giuridica con l'iscrizione nel registro di commercio.

A tale data, tutti gli attivi e i passivi figuranti nell'inventario sono trasferiti per legge alla societÓ assuntrice. ╚ fatto salvo l'articolo 34 della legge del 6 ottobre 199515 sui cartelli.

Capitolo 4: Trasformazione di societÓ Sezione 1: Disposizioni generali Art. 53

Principio

Una societÓ pu˛ modificare la propria forma giuridica (trasformazione) senza che i rapporti giuridici ne risultino modificati.

14 15

RS 220 RS 251

3966

Legge sulla fusione

Art. 54 1

2

3

4

Trasformazioni permesse

Una societÓ di capitali pu˛ trasformarsi in: a.

una societÓ di capitali di diversa forma giuridica;

b.

una societÓ cooperativa.

Una societÓ in nome collettivo pu˛ trasformarsi in: a.

una societÓ di capitali;

b.

una societÓ cooperativa;

c.

una societÓ in accomandita.

Una societÓ in accomandita pu˛ trasformarsi in: a.

una societÓ di capitali;

b.

una societÓ cooperativa;

c.

una societÓ in nome collettivo.

Una societÓ cooperativa pu˛ trasformarsi in: a.

una societÓ di capitali;

b.

un'associazione iscritta nel registro di commercio, se non dispone di capitale sociale.

5 Un'associazione iscritta nel registro di commercio pu˛ trasformarsi in una societÓ di capitali o in una societÓ cooperativa.

Art. 55 1

2

Norme speciali concernenti la trasformazione di societÓ in nome collettivo e in accomandita

Una societÓ in nome collettivo pu˛ trasformarsi in una societÓ in accomandita se: a.

un accomandante entra nella societÓ in nome collettivo;

b.

un socio diventa accomandante.

Una societÓ in accomandita pu˛ trasformarsi in una societÓ in nome collettivo se: a.

tutti gli accomandanti recedono dalla societÓ;

b.

tutti gli accomandanti divengono soci illimitatamente responsabili.

3 ╚ fatta salva la continuazione di una societÓ in nome collettivo o in accomandita come ditta individuale ai sensi dell'articolo 579 del Codice delle obbligazioni 16.

Le disposizioni del presente capitolo non si applicano alla trasformazione secondo il presente articolo.

4

16

RS 220

3967

Legge sulla fusione

Sezione 2: Quote sociali e diritti societari Art. 56

Salvaguardia delle quote sociali e dei diritti societari

Nell'ambito della trasformazione vanno salvaguardati le quote sociali e i diritti societari dei soci.

1

2 Nell'ambito della trasformazione della societÓ in una societÓ di capitali, i soci privi di quote sociali hanno diritto a una quota almeno.

Per le quote senza diritto di voto, la societÓ deve attribuire quote equivalenti o quote con diritto di voto.

3

Per i diritti speciali connessi a quote sociali o diritti societari, la societÓ deve attribuire diritti equivalenti o un'indennitÓ adeguata.

4

Per i buoni di godimento, la societÓ deve attribuire diritti equivalenti oppure riscattare i buoni al loro valore reale al momento dell'elaborazione del rapporto di trasformazione.

5

Sezione 3: Costituzione e bilancio intermedio Art. 57

Disposizioni sulla costituzione

Le disposizioni del Codice civile17 e del Codice delle obbligazioni18 concernenti la costituzione di una societÓ di forma corrispondente si applicano alla trasformazione.

Non sono applicabili le disposizioni sul numero dei promotori di societÓ di capitali e sui conferimenti in natura.

Art. 58

Bilancio intermedio

Se la data determinante per il bilancio precede di oltre sei mesi quella di redazione del rapporto di trasformazione o si sono verificate importanti modifiche patrimoniali posteriormente alla chiusura del bilancio, le societÓ partecipanti alla trasformazione devono stilare un bilancio intermedio.

Sezione 4: Progetto di trasformazione, rapporto di trasformazione e verifica Art. 59

Redazione del progetto di trasformazione

L'organo superiore di direzione o di amministrazione redige un progetto di trasformazione.

1

2 Il progetto di trasformazione richiede la forma scritta e l'approvazione dell'assemblea generale, rispettivamente dei soci conformemente all'articolo 64.

17 18

RS 210 RS 220

3968

Legge sulla fusione

Art. 60

Contenuto del progetto di trasformazione

Il progetto di trasformazione contiene: a.

il nome o la ditta, la sede e la forma giuridica prima e dopo la trasformazione;

b.

il nuovo statuto;

c.

il numero, il tipo e il valore delle quote sociali attribuite ai titolari di quote dopo la trasformazione, rispettivamente indicazioni sui diritti societari dei soci dopo la trasformazione.

Art. 61

Rapporto di trasformazione

L'organo superiore di direzione o di amministrazione redige un rapporto scritto sulla trasformazione.

1

Le piccole e medie imprese possono prescindere dalla redazione di un rapporto di trasformazione previo consenso di tutti i soci.

2

3

Il rapporto spiega e giustifica dai profili economico e giuridico: a.

lo scopo e le conseguenze della trasformazione;

b.

il rispetto delle disposizioni sulla costituzione della societÓ relative alla nuova forma giuridica;

c.

il nuovo statuto;

d.

il rapporto di scambio delle quote, rispettivamente i diritti societari dei soci dopo la trasformazione;

e.

se del caso, l'obbligo di effettuare versamenti suppletivi, l'obbligo di fornire altre prestazioni personali e la responsabilitÓ personale risultanti dalla trasformazione per i soci;

f.

gli obblighi che possono essere imposti ai soci nell'ambito della nuova forma giuridica.

Art. 62

Verifica del progetto e del rapporto di trasformazione

La societÓ deve far verificare il progetto di trasformazione, il rapporto di trasformazione e il bilancio su cui poggia la trasformazione da un revisore particolarmente qualificato.

1

Le piccole e medie imprese possono prescindere dalla verifica previo consenso di tutti i soci.

2

3

La societÓ deve fornire al revisore tutte le informazioni e i documenti utili.

Il revisore deve verificare se le condizioni di trasformazione sono adempiute, in particolare se nell'ambito della trasformazione Ŕ salvaguardato lo statuto giuridico dei soci.

4

3969

Legge sulla fusione

Art. 63

Diritto di consultazione

Durante i 30 giorni precedenti la decisione, la societÓ deve garantire ai soci, presso la sua sede, la consultazione dei documenti seguenti: 1

a.

il progetto di trasformazione;

b.

il rapporto di trasformazione;

c.

il rapporto di revisione;

d.

i conti annuali e i rapporti annuali relativi agli ultimi tre esercizi contabili nonchÚ, se del caso, il bilancio intermedio.

Le piccole e medie imprese possono prescindere dalla procedura di consultazione di cui al capoverso 1 previo consenso di tutti i soci.

2

I soci possono chiedere alla societÓ copie dei documenti enumerati nel capoverso 2. Tali copie vanno messe gratuitamente a loro disposizione.

3

La societÓ deve informare in modo appropriato i soci circa il diritto di consultazione.

4

Sezione 5: Decisione di trasformazione e iscrizione nel registro di commercio Art. 64

Decisione di trasformazione

L'organo superiore di direzione o di amministrazione delle societÓ di capitali, delle societÓ cooperative e delle associazioni deve sottoporre il progetto di trasformazione all'assemblea generale per decisione. Occorrono le seguenti maggioranze: 1

a.

per le societÓ anonime e le societÓ in accomandita per azioni, almeno due terzi dei voti attribuiti alle azioni rappresentate all'assemblea generale e la maggioranza assoluta dei valori nominali delle azioni rappresentate; se, a seguito della trasformazione della societÓ in una societÓ a garanzia limitata, Ŕ introdotto l'obbligo di effettuare versamenti suppletivi o di fornire altre prestazioni personali, occorre l'approvazione di tutti i soci che ne sono interessati;

b.

in caso di trasformazione di una societÓ di capitali in una societÓ cooperativa, l'approvazione di tutti i soci;

c.

per le societÓ a garanzia limitata, almeno tre quarti dei soci, rappresentanti almeno tre quarti del capitale sociale;

d.

per le societÓ cooperative, almeno due terzi dei voti emessi o, in caso di introduzione o di estensione dell'obbligo di effettuare versamenti suppletivi, dell'obbligo di fornire altre prestazioni personali oppure della responsabilitÓ personale, almeno tre quarti dei soci;

e.

per le associazioni, almeno tre quarti dei membri presenti all'assemblea generale.

3970

Legge sulla fusione

Nelle societÓ in nome collettivo o in accomandita, il progetto di trasformazione dev'essere approvato da tutti i soci. Il contratto di societÓ pu˛ tuttavia prevedere che Ŕ sufficiente l'approvazione di almeno tre quarti dei soci.

2

Art. 65

Atto pubblico

La decisione di trasformazione richiede un atto pubblico.

Art. 66

Iscrizione nel registro di commercio

L'organo superiore di direzione o di amministrazione deve chiedere l'iscrizione della trasformazione all'ufficio del registro di commercio.

Art. 67

ValiditÓ giuridica

La trasformazione acquisisce validitÓ giuridica all'atto della sua iscrizione nel registro di commercio.

Sezione 6: Protezione dei creditori e dei lavoratori Art. 68 1

L'articolo 26 si applica per analogia alla responsabilitÓ personale dei soci.

L'articolo 27 capoverso 3 si applica per analogia alla responsabilitÓ per i debiti derivanti dal contratto di lavoro.

2

Capitolo 5: Trasferimento di patrimonio Sezione 1: Disposizioni generali Art. 69 1 Le societÓ e ditte individuali iscritte nel registro di commercio possono trasferire l'intero patrimonio o parte di esso, con attivi e passivi, a un altro soggetto giuridico di diritto privato. Il capitolo 3 si applica se ai soci della societÓ trasferente sono attribuiti quote sociali o diritti societari della societÓ assuntrice.

Sono fatte salve le disposizioni legali e statutarie relative alla protezione del capitale e alla liquidazione.

2

3971

Legge sulla fusione

Sezione 2: Contratto di trasferimento Art. 70

Conclusione del contratto di trasferimento

Il contratto di trasferimento Ŕ concluso dagli organi superiori di direzione o di amministrazione dei soggetti giuridici partecipanti al trasferimento.

1

2

Esso richiede la forma scritta.

Art. 71 1

Contenuto del contratto di trasferimento

Il contratto di trasferimento contiene: a.

la ditta o il nome, la sede e la forma giuridica dei soggetti giuridici partecipanti al trasferimento;

b.

un inventario che designi chiaramente gli oggetti del patrimonio attivo e passivo trasferiti; i fondi, i titoli di credito e i valori immateriali vanno indicati singolarmente;

c.

il valore complessivo degli attivi e dei passivi trasferiti;

d.

l'eventuale controprestazione;

e.

un elenco dei rapporti di lavoro trasferiti a seguito del trasferimento di patrimonio.

Il trasferimento di patrimonio Ŕ permesso soltanto se l'inventario presenta un'eccedenza di attivi.

2

Art. 72

Oggetti del patrimonio attivo non attribuiti

Gli oggetti del patrimonio attivo, i crediti e i diritti immateriali che non possono essere attribuiti sulla base dell'inventario restano al soggetto giuridico trasferente.

Sezione 3: Iscrizione nel registro di commercio e validitÓ giuridica Art. 73 1 L'organo superiore di direzione o di amministrazione del soggetto giuridico trasferente deve chiedere l'iscrizione del trasferimento di patrimonio all'ufficio del registro di commercio.

2 Il trasferimento di patrimonio acquisisce validitÓ giuridica all'atto dell'iscrizione nel registro di commercio. A tale data, tutti gli attivi e i passivi elencati nell'inventario sono trasferiti per legge al soggetto giuridico assuntore. ╚ fatto salvo l'articolo 34 della legge del 6 ottobre 1995 19 sui cartelli.

19

RS 251

3972

Legge sulla fusione

Sezione 4: Informazione dei soci Art. 74 1 L'organo superiore di direzione o di amministrazione della societÓ trasferente deve informare i soci del trasferimento di patrimonio nell'allegato al conto annuale. Se non vi Ŕ obbligo di allestire il conto annuale, vanno dati ragguagli sul trasferimento di patrimonio nel corso dell'assemblea generale successiva.

2 L'allegato o l'informazione nel corso dell'assemblea generale spiega e giustifica sotto i profili giuridico ed economico:

a.

lo scopo e le conseguenze del trasferimento di patrimonio;

b.

il contratto di trasferimento;

c.

la controprestazione del trasferimento;

d.

le ripercussioni del trasferimento di patrimonio sui lavoratori e indicazioni sul contenuto di un eventuale piano sociale.

3 L'obbligo di informare non sussiste se gli attivi trasferiti sono inferiori al 5 per cento del bilancio complessivo della societÓ trasferente.

Sezione 5: Protezione dei creditori e dei lavoratori Art. 75

ResponsabilitÓ solidale

Per tre anni, i debitori precedenti rispondono solidalmente con il nuovo debitore dei debiti contratti prima del trasferimento di patrimonio.

1

Le pretese nei confronti del soggetto giuridico trasferente si prescrivono al pi¨ tardi tre anni dopo la pubblicazione del trasferimento di patrimonio. Se il credito diviene esigibile dopo tale pubblicazione, la prescrizione comincia a decorrere con l'esigibilitÓ.

2

I soggetti giuridici partecipanti al trasferimento di patrimonio devono garantire i crediti se:

3

a.

la responsabilitÓ solidale si estingue prima dello scadere del termine di tre anni o

b

i creditori rendono verosimile che la responsabilitÓ solidale non rappresenta una protezione sufficiente.

Invece di prestare garanzia, i soggetti giuridici partecipanti al trasferimento possono soddisfare il credito, per quanto non ne risulti alcun danno per gli altri creditori.

4

3973

Legge sulla fusione

Art. 76

Trasferimento dei rapporti di lavoro e responsabilitÓ solidale

Il trasferimento dei rapporti di lavoro Ŕ retto dall'articolo 333 del Codice delle obbligazioni20.

1

2 L'articolo 75 si applica a tutti i debiti derivanti dal contratto di lavoro che divengono esigibili sino al momento in cui il rapporto di lavoro pu˛ essere sciolto normalmente o Ŕ sciolto per opposizione del lavoratore al trasferimento.

Art. 77

Consultazione dei rappresentanti dei lavoratori

La consultazioni della rappresentanza dei lavoratori Ŕ retta, sia per il soggetto giuridico trasferente, sia per il soggetto giuridico assuntore, dall'articolo 333a del Codice delle obbligazioni 21.

1

In caso di inosservanza delle disposizioni di cui al capoverso 1, la rappresentanza dei lavoratori pu˛ chiedere al tribunale che vieti l'iscrizione del trasferimento di patrimonio nel registro di commercio.

2

La presente disposizione si applica anche ai soggetti giuridici assuntori con sede all'estero.

3

Capitolo 6: Fusione e trasferimento di patrimonio di fondazioni Sezione 1: Fusione Art. 78 1

Principio

Le fondazioni possono operare fusioni tra loro.

La fusione Ŕ permessa soltanto se Ŕ oggettivamente giustificata e, in particolare, favorisce la salvaguardia e la realizzazione dello scopo della fondazione. Le eventuali pretese giuridiche dei destinatari delle fondazioni partecipanti vanno salvaguardate. L'articolo 86 del Codice civile22 si applica se, in vista della fusione, Ŕ necessaria una modifica dello scopo.

2

Art. 79

Contratto di fusione

Il contratto di fusione Ŕ concluso dagli organi superiori delle fondazioni partecipanti alla fusione.

1

2

Il contratto contiene:

20 21 22

a.

il nome, la sede e lo scopo delle fondazioni partecipanti nonchÚ, in caso di fusione mediante combinazione, il nome, la sede e lo scopo della nuova fondazione;

b.

indicazioni sullo statuto, in seno alla fondazione assuntrice, dei destinatari titolari di pretese giuridiche;

RS 220 RS 220 RS 210

3974

Legge sulla fusione

c.

la data a decorrere da cui gli atti della fondazione trasferente sono considerati compiuti per conto della fondazione assuntrice.

Il contratto richiede la forma scritta. Per le fondazioni di famiglia e le fondazioni ecclesiastiche, dev'essere oggetto di atto pubblico.

3

Art. 80

Bilancio

Le fondazioni devono stilare un bilancio e, se sono date le condizioni di cui all'articolo 11, un bilancio intermedio.

Art. 81

Verifica del contratto di fusione

Le fondazioni devono far verificare il contratto di fusione e i bilanci da un revisore.

1

2

Esse devono fornire al revisore tutte le informazioni e i documenti utili.

Il revisore redige un rapporto in cui esamina in particolare se le eventuali pretese giuridiche dei destinatari siano salvaguardate e se esistano crediti noti o prevedibili che non possono essere soddisfatti mediante la sostanza delle fondazioni partecipanti alla fusione.

3

Art. 82

Obbligo d'informare

Prima di chiedere l'approvazione dell'autoritÓ di vigilanza, l'organo superiore della fondazione trasferente informa i destinatari titolari di pretese giuridiche circa la fusione prospettata e le sue ripercussioni sul loro statuto giuridico. Per le fondazioni di famiglia e le fondazioni ecclesiastiche, l'informazione avviene prima della decisione di fusione.

Art. 83

Approvazione ed esecuzione della fusione

Gli organi superiori delle fondazioni sottoposte alla vigilanza di una corporazione di diritto pubblico devono chiedere l'approvazione della fusione all'autoritÓ competente. La domanda scritta deve attestare l'adempimento delle condizioni della fusione. Vanno allegati alla domanda i bilanci delle fondazioni verificati dal revisore e il rapporto di revisione.

1

2

╚ competente l'autoritÓ di vigilanza della fondazione trasferente.

Dopo aver esaminato la domanda, l'autoritÓ di vigilanza emana una decisione e, in caso d'approvazione, chiede l'iscrizione della fusione all'ufficio del registro di commercio.

3

4 L'articolo 22 capoverso 1 si applica per quanto concerne la validitÓ giuridica della fusione.

3975

Legge sulla fusione

Art. 84

Decisione ed esecuzione della fusione di fondazioni di famiglia e di fondazioni ecclesiastiche

La fusione di fondazioni di famiglia e di fondazioni ecclesiastiche acquisisce validitÓ giuridica all'atto della decisione dell'organo superiore delle fondazioni partecipanti alla fusione.

1

I destinatari titolari di pretese giuridiche e i membri dell'organo superiore della fondazione che non hanno approvato la decisione di fusione possono, se le condizioni della fusione non sono adempiute, impugnarla dinanzi al giudice entro tre mesi dalla decisione.

2

Art. 85

Protezione dei creditori

Prima di decidere, rispettivamente prima che sia adottata la decisione di fusione, l'autoritÓ di vigilanza o, per le fondazioni di famiglia e le fondazioni ecclesiastiche, l'organo superiore della fondazione trasferente deve informare i creditori delle fondazioni partecipanti alla fusione, mediante una triplice pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio, del fatto che possono esigere la costituzione di garanzie se fanno valere i loro crediti. I destinatari titolari di pretese giuridiche non possono esigere la costituzione di garanzie.

1

2 L'autoritÓ di vigilanza o, per le fondazioni di famiglia e le fondazioni ecclesiastiche, l'organo superiore della fondazione pu˛ rinunciare alla diffida ai creditori se il revisore attesta che tutti i crediti noti o prevedibili possono essere soddisfatti mediante la sostanza delle fondazioni partecipanti alla fusione.

3

L'articolo 25 si applica alla diffida ai creditori.

Sezione 2: Trasferimento di patrimonio Art. 86

Principio

Le fondazioni iscritte nel registro di commercio possono trasferire l'intero patrimonio o parte di esso, con attivi e passivi, a un altro soggetto giuridico.

1

Gli articoli 70-72 si applicano al contratto di trasferimento e gli articoli 75-77 alla protezione dei creditori e dei lavoratori.

2

Art. 87

Approvazione ed esecuzione del trasferimento di patrimonio

Gli organi superiori delle fondazioni sottoposte alla vigilanza di una corporazione di diritto pubblico devono chiedere l'approvazione del trasferimento di patrimonio all'autoritÓ di vigilanza competente. La domanda scritta deve attestare che le condizioni del trasferimento di patrimonio sono adempiute.

1

2

╚ competente l'autoritÓ di vigilanza della fondazione trasferente.

3976

Legge sulla fusione

3 Dopo aver esaminato la domanda, l'autoritÓ di vigilanza emana una decisione. Una volta passata in giudicato la decisione di approvazione, l'autoritÓ di vigilanza chiede l'iscrizione del trasferimento di patrimonio all'ufficio del registro di commercio.

4 L'articolo 73 si applica all'iscrizione nel registro di commercio e alla validitÓ giuridica.

Capitolo 7: Fusione, trasformazione e trasferimento di patrimonio di istituti di previdenza Sezione 1: Fusione Art. 88 1

Principio

Gli istituti di previdenza possono operare fusioni tra loro.

2 La fusione di istituti di previdenza Ŕ permessa soltanto se sono salvaguardati lo scopo di previdenza nonchÚ i diritti e le pretese degli assicurati.

Art. 89

Bilancio

Gli istituti di previdenza partecipanti alla fusione devono stilare un bilancio e, se sono adempiute le condizioni di cui all'articolo 11, un bilancio intermedio.

Art. 90

Contratto di fusione

Il contratto di fusione Ŕ concluso dagli organi superiori di direzione degli istituti di previdenza partecipanti alla fusione.

1

2

3

Il contratto di fusione contiene: a.

il nome o la ditta, la sede e la forma giuridica degli istituti di previdenza partecipanti alla fusione nonchÚ, in caso di fusione mediante combinazione, il nome o la ditta, la sede e la forma giuridica del nuovo istituto di previdenza;

b.

indicazioni sui diritti e le pretese degli assicurati in seno all'istituto di previdenza assuntore;

c.

la data a decorrere dalla quale gli atti dell'istituto di previdenza trasferente sono considerati compiuti per conto dell'istituto di previdenza assuntore.

Il contratto di fusione richiede la forma scritta.

Art. 91

Rapporto di fusione

Gli organi superiori di direzione degli istituti di previdenza redigono un rapporto scritto sulla fusione. Essi possono anche redigerlo insieme.

1

3977

Legge sulla fusione

2

Il rapporto spiega e giustifica: a.

lo scopo e le conseguenze della fusione;

b.

il contratto di fusione;

c.

le ripercussioni della fusione sui diritti e le pretese degli assicurati.

Art. 92

Verifica del contratto di fusione

Gli istituti di previdenza partecipanti alla fusione devono far verificare il contratto di fusione, il rapporto di fusione e il bilancio dal loro ufficio di controllo e da un perito riconosciuto in materia di previdenza professionale. Essi possono designare un perito comune.

1

Gli istituti di previdenza partecipanti alla fusione devono fornire alle persone incaricate della verifica tutte le informazioni e i documenti utili.

2

3 L'ufficio di controllo e il perito in materia di previdenza professionale redigono un rapporto in cui esaminano se i diritti e le pretese degli assicurati sono salvaguardati.

Art. 93

Obbligo di informare e diritto di consultazione

Gli organi competenti dell'istituto di previdenza devono informare gli assicurati circa la fusione prospettata e le sue ripercussioni al pi¨ tardi al momento di riconoscere il diritto di consultazione di cui al capoverso 2. Essi devono informare in modo appropriato gli assicurati in merito al diritto di consultazione.

1

Durante i 30 giorni precedenti la domanda all'autoritÓ di vigilanza, gli istituti di previdenza partecipanti alla fusione devono consentire agli assicurati di consultare, presso la loro sede, il contratto di fusione e il rapporto di fusione.

2

Art. 94

Decisione di fusione

La fusione necessita dell'approvazione dell'organo superiore di direzione e inoltre, nel caso di una societÓ cooperativa, dell'assemblea generale. L'articolo 18 capoverso 1 lettera d si applica per quanto concerne le maggioranze occorrenti.

1

2 Nel caso di istituti di previdenza di diritto pubblico, Ŕ fatto salvo l'articolo 100 capoverso 3.

Art. 95

Approvazione ed esecuzione della fusione

Gli organi superiori di direzione degli istituti di previdenza chiedono l'approvazione della fusione all'autoritÓ di vigilanza competente.

1

2

╚ competente l'autoritÓ di vigilanza dell'istituto di previdenza trasferente.

L'autoritÓ di vigilanza esamina se le condizioni della fusione sono adempiute ed emana una decisione. Se sono necessari alla disamina delle condizioni, l'autoritÓ di vigilanza pu˛ chiedere la produzione di documenti supplementari.

3

3978

Legge sulla fusione

Una volta passata in giudicato la decisione d'approvazione, l'autoritÓ di vigilanza chiede l'iscrizione della fusione all'ufficio del registro di commercio.

4

5

L'articolo 22 capoverso 1 si applica per quanto concerne la validitÓ giuridica.

Art. 96

Protezione dei creditori

Prima di emanare la decisione, l'autoritÓ di vigilanza deve informare i creditori degli istituti di previdenza partecipanti alla fusione, mediante una triplice pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio, del fatto che possono esigere la costituzione di garanzie se fanno valere i loro crediti.

1

2 L'autoritÓ di vigilanza pu˛ rinunciare alla diffida ai creditori se tutti i crediti noti o prevedibili possono essere soddisfatti mediante la sostanza a disposizione degli istituti di previdenza partecipanti alla fusione.

In caso di diffida ai creditori, questi ultimi possono chiedere, entro due mesi dalla pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio, che l'istituto di previdenza assuntore presti garanzia. Gli assicurati non possono chiedere la costituzione di garanzie.

3

4 L'obbligo di prestare garanzia si estingue se l'istituto di previdenza prova che la fusione non compromette la soddisfazione del credito. L'articolo 25 capoverso 4 Ŕ applicabile. In caso di contestazione, la decisione spetta all'autoritÓ di vigilanza.

Sezione 2: Trasformazione Art. 97 1 Gli istituti di previdenza possono trasformarsi in una fondazione o in una societÓ cooperativa.

La trasformazione di istituti di previdenza Ŕ permessa soltanto se sono salvaguardati lo scopo di previdenza nonchÚ i diritti e le pretese degli assicurati.

2

3

Gli articoli 89-95 si applicano per analogia.

Sezione 3: Trasferimento di patrimonio Art. 98 1 Gli istituti di previdenza possono trasferire l'insieme del loro patrimonio o parte di esso, con attivi e passivi, a un altro istituto di previdenza o a un altro soggetto giuridico.

2

Gli articoli 70-77 sono applicabili.

Sono fatte salve le disposizioni sulla liquidazione parziale di istituti di previdenza di cui all'articolo 23 della legge federale del 17 dicembre 199323 sul libero passag-

3

23

RS 831.42

3979

Legge sulla fusione

gio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l'invaliditÓ e agli articoli 53a-53c della legge federale del 25 giugno 198224 sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l'invaliditÓ.

Capitolo 8: Fusione, trasformazione e trasferimento di patrimonio a cui partecipano istituti di diritto pubblico Art. 99 1

Fusioni, trasformazioni e trasferimenti di patrimonio permessi

Gli istituti di diritto pubblico possono: a.

trasferire il loro patrimonio mediante fusione a societÓ di capitali, societÓ cooperative, associazioni o fondazioni;

b.

trasformarsi in societÓ di capitali, societÓ cooperative, associazioni o fondazioni.

Mediante trasferimento di patrimonio, gli istituti di diritto pubblico possono trasferire l'insieme del loro patrimonio o parte di esso ad altri soggetti giuridici oppure assumere la totalitÓ o parte del patrimonio di altri soggetti giuridici.

2

Art. 100

Diritto applicabile

Le disposizioni della presente legge si applicano per analogia alla fusione di soggetti giuridici di diritto privato con istituti di diritto pubblico, alla trasformazione di tali istituti in soggetti giuridici di diritto privato e a qualsiasi trasferimento di patrimonio cui partecipa un istituto di diritto pubblico.

1

Gli istituti di diritto pubblico devono stilare un inventario che designi chiaramente e valuti gli oggetti del patrimonio attivo e passivo interessati dalla fusione, dalla trasformazione o dal trasferimento di patrimonio. I fondi, i titoli di credito e i valori immateriali vanno menzionati singolarmente. L'inventario va verificato da un revisore particolarmente qualificato, se non Ŕ garantito altrimenti che l'allestimento e la valutazione dell'inventario siano conformi ai principi riconosciuti in materia di rendiconto.

2

La decisione del soggetto giuridico di diritto pubblico relativa alla fusione, alla trasformazione o al trasferimento di patrimonio Ŕ disciplinata dalle disposizioni di diritto pubblico della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni.

3

Art. 101

ResponsabilitÓ della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni

Le fusioni, le trasformazioni e i trasferimenti di patrimonio di istituti di diritto pubblico non devono arrecare danno ai creditori. La Confederazione, i Cantoni e i

1

24

RS 831.40

3980

Legge sulla fusione

Comuni devono adottare le misure necessarie affinchÚ le pretese di cui agli articoli 26, 68 capoverso 1 e 75 possano essere soddisfatte.

2 La Confederazione, i Cantoni e i Comuni rispondono del danno risultante dall'adozione di misure insufficienti secondo il diritto federale, cantonale e comunale.

Capitolo 9: Disposizioni comuni Sezione 1: Disposizioni esecutive Art. 102 Il Consiglio federale emana le disposizioni necessarie concernenti: a.

le modalitÓ d'iscrizione nel registro di commercio e i documenti giustificativi da produrre;

b.

le modalitÓ d'iscrizione nel registro fondiario e i documenti giustificativi da produrre.

Sezione 2: Domanda d'iscrizione nel registro fondiario Art. 103 Se non Ŕ applicabile il termine abbreviato di cui al capoverso 2, il soggetto giuridico assuntore o, in caso di trasformazione, il soggetto giuridico che cambia forma giuridica chiede all'ufficio del registro fondiario l'iscrizione di tutte le modifiche derivanti dalla fusione, dalla scissione o dalla trasformazione entro tre mesi dalla data in cui tali operazioni acquisiscono validitÓ giuridica.

1

Il soggetto giuridico assuntore chiede all'ufficio del registro fondiario l'iscrizione del trapasso di proprietÓ di un fondo non appena l'operazione acquisisce validitÓ giuridica se: 2

a.

in caso di fusione di associazioni o di fondazioni, il soggetto giuridico trasferente non Ŕ iscritto nel registro di commercio;

b.

il fondo Ŕ stato trasferito mediante separazione o trasferimento di patrimonio secondo inventario.

Nei casi di cui al capoverso 2, il trapasso di proprietÓ dei fondi al soggetto giuridico assuntore va accertato, quale legittimazione del trapasso, mediante atto pubblico.

Il pubblico ufficiale preposto alla stesura dell'atto pubblico di accertamento Ŕ autorizzato a chiedere all'ufficio del registro fondiario, per conto del soggetto giuridico assuntore, l'iscrizione delle modifiche.

3

3981

Legge sulla fusione

Sezione 3: Controllo delle quote sociali e dei diritti societari Art. 104 1 Se nell'ambito di una fusione, di una scissione o di una trasformazione le quote sociali o i diritti societari non sono salvaguardati in modo adeguato o se l'indennitÓ non Ŕ adeguata, ciascun socio pu˛ chiedere, entro due mesi dalla pubblicazione della decisione di fusione, di scissione o di trasformazione, che il tribunale fissi un conguaglio adeguato. L'articolo 7 capoverso 2 non si applica alla determinazione del conguaglio.

La decisione esplica effetto nei confronti di tutti i soci dei soggetti giuridici partecipanti purchÚ abbiano lo stesso statuto giuridico dell'attore.

2

Le spese procedurali sono a carico del soggetto giuridico assuntore. Se circostanze particolari lo giustificano, il tribunale pu˛ porle, in tutto o in parte, a carico dell'attore.

3

4 L'azione tendente al controllo della salvaguardia delle quote sociali e dei diritti societari non inficia la decisione di fusione, di scissione o di trasformazione.

Sezione 4: Contestazione delle decisioni di fusione, di scissione di trasformazione e di trasferimento di patrimonio Art. 105

Principio

Se le disposizioni della presente legge sono violate, i soci dei soggetti giuridici partecipanti che hanno votato contro la fusione, la scissione o la trasformazione possono contestare la decisione entro due mesi dalla sua pubblicazione nel Foglio ufficiale svizzero di commercio. Se non occorre una pubblicazione, il termine decorre dal giorno della decisione.

1

I soci possono contestare la decisione anche se Ŕ stata adottata dall'organo superiore di direzione o di amministrazione.

2

Art. 106

Conseguenze di un vizio

Se un vizio pu˛ essere sanato, il tribunale impartisce un termine a tal fine ai soggetti giuridici interessati.

1

Se un vizio non Ŕ sanato entro il termine impartito o non Ŕ possibile sanarlo, il tribunale annulla la decisione e ordina i provvedimenti necessari.

2

3982

Legge sulla fusione

Sezione 5: ResponsabilitÓ Art. 107 Tutte le persone che si occupano della fusione, della scissione, della trasformazione o del trasferimento di patrimonio rispondono, sia nei confronti dei soggetti giuridici, sia nei confronti dei singoli soci e creditori, del danno loro causato mediante la violazione, intenzionale o colposa, degli obblighi loro incombenti.

1

Tutte le persone che si occupano della verifica della fusione, della scissione, della trasformazione o del trasferimento di patrimonio rispondono, sia nei confronti dei soggetti giuridici, sia nei confronti dei singoli soci e creditori, del danno loro causato mediante la violazione, intenzionale o colposa, degli obblighi loro incombenti.

2

3 Si applicano gli articoli 756, 759 e 760 del Codice delle obbligazioni25. In caso di fallimento di una societÓ di capitali o di una societÓ cooperativa, sono applicabili per analogia gli articoli 757, 764 capoverso 2, 827 e 920 del Codice delleobbligazioni.

4 La responsabilitÓ delle persone che agiscono per conto di un istituto di diritto pubblico Ŕ disciplinata dal diritto pubblico.

Capitolo 10: Disposizioni finali Art. 108

Disposizione transitoria

La presente legge si applica alle fusioni, alle scissioni, alle trasformazioni e ai trasferimenti di patrimonio che sono notificati per iscrizione al registro di commercio dopo la sua entrata in vigore.

Art. 109

Referendum ed entrata in vigore

1

La presente legge sottostÓ al referendum facoltativo.

2

Il Consiglio federale ne determina l'entrata in vigore.

25

RS 220

3983

Legge sulla fusione

Allegato

Modifica del diritto vigente I seguenti atti legislativi sono modificati come segue: 1. Codice delle obbligazioni26 Art. 181 cpv. 2 e 4 2 Il debitore precedente rimane tuttavia obbligato solidalmente col nuovo debitore per altri tre anni, i quali cominciano a decorrere, per i debiti scaduti, dal giorno della comunicazione o della pubblicazione e, per i non scaduti, dal giorno della scadenza.

4 L'assunzione di un patrimonio o di un'azienda di societÓ commerciali, societÓ cooperative, associazioni, fondazioni o ditte individuali iscritte nel registro di commercio Ŕ disciplinata dalle disposizioni della legge del ... 27 sulla fusione.

Art. 182 Abrogato Art. 622 cpv. 4 Il valore nominale dell'azione non pu˛ essere inferiore a 1 centesimo. Rimane salva la sua riduzione al disotto di questo importo nel caso di un risanamento della societÓ.

4

Art. 704 cpv. 1 n. 8 Abrogato Art. 738 III. Conseguenze

La societÓ sciolta entra in liquidazione, tranne nei casi di fusione, di scissione o di trasferimento del suo patrimonio a una corporazione di diritto pubblico.

Art. 748-750 Abrogati

26 27

RS 220 RS...; RU ... (FF 2000 3949)

3984

Legge sulla fusione

Art. 770 cpv. 3 Abrogato Art. 824-826 Abrogati Art. 888 cpv. 2 2 Per lo scioglimento della societÓ cooperativa e la modificazione del suo statuto Ŕ necessario che la maggioranza favorevole sia costituita dai due terzi dei voti emessi. Lo statuto pu˛ porre, per siffatte deliberazioni, requisiti anche pi¨ rigorosi.

Art. 893 cpv. 2 2 Non possono essere delegati i poteri dell'assemblea generale riguardanti l'introduzione o l'aggravamento dell'obbligo di eseguire versamenti suppletivi, lo scioglimento della societÓ, la sua fusione, la sua scissione e la trasformazione della sua forma giuridica.

Art. 914 Abrogato Art. 936a (nuovo) Numero di identificazione

Alle ditte individuali, alle societÓ in nome collettivo, alle societÓ in accomandita, alle societÓ di capitali, alle societÓ cooperative, alle associazioni, alle fondazioni e agli istituti di diritto pubblico iscritti nel registro di commercio Ŕ assegnato un numero di identificazione.

1

2 Il numero di identificazione permane invariato nel corso dell'intera esistenza del soggetto giuridico, anche in caso di trasferimento della sede o di trasformazione o di cambiamento del nome o della ditta.

Il Consiglio federale emana le disposizioni esecutive. Pu˛ prevedere che il numero di identificazione figuri, con la ditta, sulle lettere, i bollettini d'ordinazione e le fatture.

3

Disposizioni finali e transitorie dei titoli XXIV a XXXIII Art. 4 Abrogato

3985

Legge sulla fusione

2. Legge federale del 4 ottobre 199128 sul diritto fondiario rurale Art. 62 lett. g (nuova) L'autorizzazione non Ŕ necessaria in caso di acquisto: g.

per trapasso di proprietÓ mediante fusione o scissione o in virt¨ della legge del .....29 sulla fusione, se gli attivi del soggetto giuridico trasferente o del soggetto assuntore non sono costituiti principalmente da un'azienda o da un fondo agricoli.

3. Legge federale del 18 dicembre 198730 sul diritto internazionale privato Art. 161 titolo marginale VI. Trasferimento, fusione, scissione e trasferimento di patrimonio 1. Trasferimento della societÓ dall'estero in Svizzera a. Principio

Art. 162 titolo marginale e cpv. 3 b. Momento determinante

Prima di farsi iscrivere nel registro di commercio, la societÓ di capitali deve provare, mediante un rapporto di un revisore particolarmente qualificato ai sensi dell'articolo 727b del Codice delle obbligazioni31, che il capitale sociale Ŕ coperto giusta il diritto svizzero.

3

Art. 163 2. Trasferimento della societÓ dalla Svizzera all'estero

Una societÓ svizzera pu˛, senza liquidazione nÚ nuova costituzione, sottoporsi al diritto straniero se sono adempiute le condizioni poste dal diritto svizzero e se continua a sussistere giusta il diritto straniero.

1

I creditori devono essere pubblicamente diffidati a far valere i loro crediti, facendo loro presente l'imminente modifica dello statuto societario. L'articolo 46 della legge del .....32 sulla fusione si applica per analogia.

2

3

28 29 30 31 32

Ex cpv. 2

RS 211.412.11 RS...; RU ... (FF 2000 3949) RS 291 RS 220 RS...; RU ... (FF 2000 3949)

3986

Legge sulla fusione

Art. 163a (nuovo) 3. Fusione a. Fusione con una societÓ svizzera

Se il diritto applicabile alla societÓ straniera lo permette e le condizioni poste da tale diritto sono adempiute, una societÓ svizzera pu˛ assumere una societÓ straniera (incorporazione mediante emigrazione) o unirsi a essa in una nuova societÓ svizzera (combinazione mediante emigrazione).

1

2

Per il rimanente la fusione soggiace al diritto svizzero.

Art. 163b (nuovo) b. Fusione con una societÓ straniera

Una societÓ straniera pu˛ assumere una societÓ svizzera (incorporazione mediante emigrazione) o unirsi a essa in una nuova societÓ straniera (combinazione mediante emigrazione) se la societÓ svizzera prova che:

1

a.

con la fusione tutti i suoi passivi e attivi sono trasferiti alla societÓ straniera e

b.

le quote sociali e i diritti societari sono adeguatamente salvaguardati in seno alla societÓ straniera.

La societÓ svizzera deve ottemperare a tutte le disposizioni del diritto svizzero applicabili alla societÓ trasferente.

2

In Svizzera, i creditori devono essere pubblicamente diffidati a far valere i loro crediti, facendo loro presente la fusione imminente.

L'articolo 46 della legge del .....33 sulla fusione si applica per analogia.

3

4 Per il rimanente la fusione soggiace al diritto della societÓ assuntrice straniera.

Art. 163c (nuovo) c. Contratto di fusione

Il contratto di fusione deve ottemperare alle disposizioni imperative degli ordinamenti giuridici applicabili alle societÓ partecipanti alla fusione, incluse le prescrizioni di forma.

1

Per il rimanente, il contratto Ŕ disciplinato dal diritto scelto dalle parti. In caso di omessa scelta del diritto applicabile, il contratto di fusione Ŕ regolato dal diritto dello Stato con il quale Ŕ pi¨ strettamente connesso. Si presume che la connessione pi¨ stretta sia quella con lo Stato il cui ordinamento giuridico disciplina la societÓ assuntrice.

2

Art. 163d (nuovo) 4. Scissione e trasferimento di patrimonio

33

Le disposizioni della presente legge relative alla fusione si applicano per analogia alla scissione e al trasferimento di patrimonio a cui partecipano una societÓ svizzera e una societÓ straniera. L'articolo 163b capoverso 3 non si applica al trasferimento di patrimonio.

1

RS...; RU ... (FF 2000 3949)

3987

Legge sulla fusione

Per il rimanente, la scissione e il trasferimento di patrimonio sono regolati dal diritto applicabile alla societÓ che opera la scissione o che trasferisce il suo patrimonio a un altro soggetto giuridico.

2

Per quanto concerne il contratto di scissione, se le condizioni di cui all'articolo 163c capoverso 2 sono soddisfatte, si presume che esso sia disciplinato dal diritto applicabile alla societÓ che opera la scissione.

Tali norme si applicano per analogia al contratto di trasferimento.

3

Art. 164 5. Disposizioni comuni a. Cancellazione dal registro di commercio

Una societÓ iscritta nel registro di commercio svizzero pu˛ essere cancellata soltanto se il rapporto di un revisore particolarmente qualificato attesta che i creditori hanno ottenuto garanzie, sono stati soddisfatti conformemente all'articolo 46 della legge del ...34 sulla fusione o consentono alla cancellazione.

1

Se una societÓ straniera assume una societÓ svizzera, se si unisce a quest'ultima in una nuova societÓ straniera o se una societÓ svizzera opera una scissione in societÓ straniere, Ŕ inoltre necessario:

2

a.

provare che la fusione o la scissione ha acquisito validitÓ giuridica secondo il diritto applicabile alla societÓ straniera e

b.

che un revisore particolarmente qualificato attesti che la societÓ straniera ha attribuito ai soci della societÓ svizzera le quote sociali o i diritti societari cui hanno diritto oppure ha versato o garantito un conguaglio o un'indennitÓ eventuali.

Art. 164a (nuovo) b. Luogo dell'esecuzione e foro

Se una societÓ straniera assume una societÓ svizzera, se si unisce a quest'ultima in una nuova societÓ straniera o se una societÓ svizzera opera una scissione in societÓ straniere, l'azione tendente al controllo delle quote sociali e dei diritti societari di cui all'articolo 104 della legge del ...35 sulla fusione pu˛ essere promossa anche presso la sede svizzera del soggetto giuridico trasferente.

1

Il luogo dell'esecuzione e il foro svizzeri sussistono dopo la cancellazione fino a quando i creditori o i titolari di quote siano stati soddisfatti o i loro crediti garantiti.

2

Art. 164b (nuovo) c. Trasferimento, fusione, scissione e trasferimento di patrimonio all'estero

34 35

La validitÓ dell'assoggettamento di una societÓ svizzera a un altro ordinamento giuridico straniero e della fusione, della scissione, della trasformazione e del trasferimento di patrimonio tra societÓ straniere Ŕ riconosciuta in Svizzera se tali operazioni sono valide secondo i rispettivi ordinamenti giuridici.

RS...; RU ... (FF 2000 3949) RS...; RU ... (FF 2000 3949)

3988

Legge sulla fusione

Art. 165 titolo marginale VII. Decisioni straniere

4. Legge federale del 24 marzo 2000 36 sul foro in materia civile Art. 29a

Fusioni, scissioni, trasformazioni e trasferimenti di patrimonio

Per le azioni fondate sulla legge del ...37 sulla fusione Ŕ competente il giudice della sede di uno dei soggetti giuridici partecipanti.

5. Codice penale38 Art. 326ter Contravvenzioni alle disposizioni sulle ditte commerciali

Chiunque utilizza per un'azienda iscritta nel registro di commercio una denominazione non conforme a quella iscritta a registro e tale da indurre in errore, chiunque utilizza per un'azienda non iscritta nel registro di commercio una denominazione fallace, chiunque suscita l'impressione che un'azienda straniera non iscritta nel registro di commercio abbia la sede o una succursale in Svizzera, Ŕ punito con l'arresto o con la multa.

6. Legge federale del 27 giugno 197339 sulle tasse di bollo Art. 14 cpv. 1 lett. b e lett i (nuova) 1

Non soggiacciono alla tassa:

36 37 38 39

b.

il conferimento di documenti che servono a liberare azioni, quote di societÓ a garanzia limitata e di societÓ cooperative, buoni di partecipazione e quote di fondi di investimento svizzeri o stranieri;

i.

il trasferimento di documenti imponibili, risultanti da una fusione, scissione o trasformazione, effettuati dall'impresa assunta, oggetto della scissione o della trasformazione all'impresa assuntrice o trasformata.

RS...; RU ... (FF 2000 1960) RS...; RU ... (FF 2000 3949) RS 311.0 RS 641.10

3989

Legge sulla fusione

7. Legge federale del 14 dicembre 199040 sull'imposta federale diretta Art. 18 cpv. 2 secondo periodo ... Il trasferimento di questi elementi alla sostanza privata, a una persona giuridica, a imprese o stabilimenti d'impresa siti all'estero Ŕ equiparato all'alienazione. ...

2

Art. 19 cpv. 1 e 2 Le riserve occulte di un'impresa di persone (ditta individuale, societÓ di persone) non sono imponibili nell'ambito di ristrutturazioni, in particolare in caso di fusione, di scissione o di trasformazione, a condizione che l'impresa rimanga assoggettata all'imposta in Svizzera e che gli elementi fino ad allora determinanti per l'imposta sul reddito vengano ripresi: 1

a.

in caso di trasferimento di un esercizio o di un ramo di attivitÓ a un'altra impresa di persone;

b.

in caso di trasferimento di un esercizio o di un ramo di attivitÓ a una persona giuridica, se il compenso della persona giuridica include la concessione di diritti di partecipazione o societari;

c.

in caso di scambio di diritti di partecipazione o societari a seguito di ristrutturazioni ai sensi dell'articolo 61 capoverso 1 lettera b o di concentrazioni aventi carattere di fusione.

2 Nell'ambito di una ristrutturazione ai sensi del capoverso 1 lettera b, le riserve occulte trasferite sono imposte a posteriori secondo la procedura di cui agli articoli 151-153, se nei cinque anni seguenti la ristrutturazione i diritti di partecipazione o societari sono alienati a un prezzo superiore al valore nominale; la persona giuridica pu˛ in tal caso far valere le riserve occulte corrispondenti come costituite per mezzo di utili tassati.

Art. 20 cpv. 1 lett. g (nuova) 1

Sono imponibili i redditi da sostanza mobiliare, segnatamente: g.

il controvalore delle riserve palesi e delle riserve occulte dell'esercizio o di un ramo di attivitÓ, se i diritti di partecipazione e societari derivanti da una scissione sono alienati a un prezzo superiore al loro valore nominale entro cinque anni dalla loro acquisizione. L'imposta Ŕ fissata ulteriormente conformemente alla procedura prevista negli articoli 151-153. Non Ŕ riscossa se Ŕ addotta la prova che non vi era intenzione di vendere al momento della scissione.

Art. 61 cpv. 1, 1 bis (nuovo), 2 e 2 bis (nuovo) Le riserve occulte di una persona giuridica non sono imponibili nell'ambito di ristrutturazioni, in particolare in caso di fusione, di scissione o di trasformazione, a

1

40

RS 642.11

3990

Legge sulla fusione

condizione che la persona giuridica rimanga assoggettata all'imposta in Svizzera e che gli elementi fino ad allora determinanti per l'imposta sul reddito vengano ripresi: a.

in caso di trasferimento a un'impresa di persone, a una fondazione o a un'associazione;

b.

in caso di trasferimento a un'altra persona giuridica, se il compenso comprende la concessione di diritti di partecipazione o societari e, in caso di scissione, sono trasferiti uno o pi¨ esercizi o rami d'attivitÓ;

c.

in caso di scambio di diritti di partecipazione o societari a seguito di ristrutturazioni secondo la lettera b e di concentrazioni aventi carattere di fusione.

1bis

Se nei cinque anni seguenti la scissione sono alienati diritti di partecipazione o societari a un prezzo superiore al loro valore nominale, le riserve occulte corrispondenti sono imposte a posteriori secondo la procedura di cui agli articoli 151-153; la persona giuridica pu˛ in tal caso far valere le riserve occulte corrispondenti come costituite per mezzo di utili tassati. L'imposizione a posteriori Ŕ omessa se Ŕ addotta la prova che non vi era intenzione di vendere al momento della scissione.

Partecipazioni del 20 per cento almeno al capitale azionario o sociale di una societÓ di capitali o di una societÓ cooperativa, esercizi o rami di attivitÓ possono essere trasferiti, al valore fino ad allora determinante per l'imposta sul reddito, tra societÓ di capitali svizzere che, nel contesto delle circostanze concrete, grazie alla detenzione della maggioranza dei voti o in altro modo sono riunite sotto la direzione unica di una societÓ di capitali.

2

2bis In caso di alienazione di partecipazioni, esercizi o rami d'attivitÓ trasferiti a un gruppo di societÓ con sede in Svizzera nei cinque anni dopo la loro acquisizione, le riserve occulte trasferite sono imposte ulteriormente conformemente agli articoli 151-153. La persona giuridica beneficiaria pu˛ in tal caso far valere le riserve occulte corrispondenti come costituite per mezzo di utili tassati.

8. Legge federale del 14 dicembre 199041 sull'armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni Art. 8 cpv. 3 e cpv. 3 bis (nuovo) Le riserve occulte di un'impresa di persone (ditta individuale, societÓ di persone) non sono imponibili nell'ambito di ristrutturazioni, in particolare in caso di fusione, di scissione o di trasformazione, a condizione che l'impresa rimanga assoggettata all'imposta in Svizzera e che gli elementi fino ad allora determinanti per l'imposta sul reddito vengano ripresi: 3

a.

41

in caso di trasferimento di un esercizio o di un ramo di attivitÓ a un'altra impresa di persone;

RS 642.14

3991

Legge sulla fusione

b.

in caso di trasferimento di un esercizio o di un ramo di attivitÓ a una persona giuridica, se il compenso della persona giuridica include la concessione di diritti di partecipazione o societari;

c.

in caso di scambio di diritti di partecipazione o societari a seguito di ristrutturazioni ai sensi dell'articolo 24 capoverso 3 lettera b o di concentrazioni aventi carattere di fusione.

3bis Nell'ambito di una ristrutturazione ai sensi del capoverso 3 lettera b, le riserve occulte trasferite sono imposte a posteriori secondo la procedura di cui all'articolo 53, se nei cinque anni seguenti la ristrutturazione diritti di partecipazione o societari sono alienati a un prezzo superiore al valore nominale; la persona giuridica pu˛ in tal caso far valere le riserve occulte corrispondenti come costituite per mezzo di utili tassati.

Art. 12 cpv. 4 lett. a 4 I Cantoni possono riscuotere l'imposta sugli utili da sostanza immobiliare anche sugli utili conseguiti in seguito all'alienazione di fondi facenti parte della sostanza commerciale, semprechÚ esentino questi utili dall'imposta sul reddito e dall'imposta sull'utile oppure computino l'imposta sugli utili da sostanza immobiliare nell'imposta sul reddito o nell'imposta sull'utile. In ambedue i casi:

a.

le fattispecie di cui agli articoli 8 capoversi 3 e 4 e 24 capoverso 3 sono assimilate alle alienazioni la cui imposizione Ŕ differita ai fini dell'imposta sugli utili da sostanza immobiliare;

Art. 24 cpv. 3, 3 bis, cpv. 3ter e 3quater (nuovi) Le riserve occulte di una persona giuridica non sono imponibili nell'ambito di ristrutturazioni, in particolare in caso di fusione, di scissione o di trasformazione, a condizione che la persona giuridica rimanga assoggettata all'imposta in Svizzera e che gli elementi fino ad allora determinanti per l'imposta sul reddito vengano ripresi: 3

a.

in caso di trasferimento a un'impresa di persone, a una fondazione o a un'associazione;

b.

in caso di trasferimento a un'altra persona giuridica, se il compenso include la concessione di diritti di partecipazione o societari e, in caso di scissione, sono trasferiti uno o pi¨ esercizi o rami di attivitÓ;

c.

in caso di scambio di diritti di partecipazione o societari a seguito di ristrutturazioni secondo la lettera b e di concentrazioni aventi carattere di fusione.

3bis Se nei cinque anni seguenti la scissione sono alienati diritti di partecipazione o societari a un prezzo superiore al loro valore nominale, le riserve occulte corrispondenti sono imposte a posteriori secondo la procedura di cui all'articolo 53; la persona giuridica pu˛ in tal caso far valere le riserve occulte corrispondenti come costituite per mezzo di utili tassati. L'imposizione a posteriori Ŕ omessa se Ŕ addotta la prova che non vi era interesse di vendere al momento della scissione.

3992

Legge sulla fusione

Partecipazioni del 20 per cento almeno al capitale azionario o sociale di un'altra societÓ di capitali o societÓ cooperativa, esercizi o rami di attivitÓ possono essere trasferiti, al valore fino ad allora determinante per l'imposta sul reddito, tra societÓ di capitali svizzere che, nel contesto delle circostanze concrete, grazie alla detenzione della maggioranza dei voti o in altro modo sono riunite sotto la direzione unica di una societÓ di capitali.

3ter

3quater In caso di alienazione di partecipazioni, esercizi o rami d'attivitÓ trasferiti a un gruppo di societÓ con sede in Svizzera nei cinque anni dopo la loro acquisizione, le riserve occulte trasferite sono imposte ulteriormente conformemente agli articoli 151-153. La persona giuridica beneficiaria pu˛ in tal caso far valere le riserve occulte corrispondenti come costituite per mezzo di utili tassati.

Art. 72b

Adeguamento della legislazione cantonale (nuovo)

I Cantoni adeguano la loro legislazione alle disposizioni modificate dei titoli secondo e terzo entro tre anni dall'entrata in vigore della modifica di legge del ...

1

Scaduto tale termine, si applica la regolamentazione di cui all'articolo 72 capoverso 2.

2

9. Legge federale del 25 giugno 198242 sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l'invaliditÓ Art. 62 cpv. 3 (nuovo) Il Consiglio federale pu˛ emanare disposizioni sull'approvazione di fusioni, scissioni e trasformazioni di istituti di previdenza da parte delle autoritÓ di vigilanza, nonchÚ sull'esercizio della vigilanza in caso di liquidazione e di liquidazione parziale.

3

10. Legge federale dell'8 novembre 193443 sulle banche e le casse di risparmio Art. 14 Abrogato 11. Legge federale del 23 giugno 1978 44 sulla sorveglianza degli istituti d'assicurazione privati Art. 9a

Fusioni, scissioni e trasformazioni (nuovo)

Le fusioni, le scissioni e le trasformazioni di istituti d'assicurazione privati devono essere approvate dall'autoritÓ di vigilanza.

42 43 44

RS 831.40 RS 952.0 RS 961.01

3993

Legge sulla fusione

Art. 42 cpv. 1 lett. a n. 1 1

Il Consiglio federale emana: a.

3994

disposizioni completive: 1. degli articoli 3 capoverso 1, 5 capoverso 3, 9a, 12, 13 capoverso 3, 14 capoverso 3, 15, 21 capoverso 3, 24, 38a capoversi 4 e 5, 39 capoverso 5 e 44 della presente legge;